Switch to English Passare a Italiano

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPOLibano e SiriaSede di Beirut

AGENZIA ITALIANA PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO  - Libano E Siria - Sede di Beirut | – ITALIAN AGENCY FOR DEVELOPMENT COOPERATION - Lebanon and Syria - Beirut Office Ambasciata d'Italia a Beirut European Union Presidency of the Council of Ministers - Lebanon

AICS installa attrezzature didattiche informatiche in 30 scuole pubbliche libanesi

AICS installa attrezzature didattiche informatiche in 30 scuole pubbliche libanesi

Walid segue con attenzione la lezione, gli occhi sul grande schermo pieno di immagini e le orecchie attente alla voce dell’insegnante. "Il computer in classe – dice Hana, professoressa di biologia alla scuola pubblica di Deir el-Qamar – è uno strumento didattico importante. Permette di fare lezioni meno noiose per i ragazzi e offre molte opportunità di interazione con gli studenti. Purtroppo è difficile averne nella scuola pubblica.”

La scuola del villaggio nello Shouf è una delle 30 che, grazie ai fondi della Cooperazione Italiana, in questi giorni hanno ricevuto attrezzature didattiche informatiche. Queste scuole sono state selezionate dal Ministero dell’Educazione libanese e sono distribuite su tutto il territorio nazionale. Ognuno dei 260 kit comprende un computer portatile, un videoproiettore, una coppia di altoparlanti e tutto il necessario per l’installazione.

La fornitura è parte dei programmi finanziati dalla Cooperazione Italiana a sostegno della scuola pubblica in Libano. Un impegno che, dal 2016 a oggi, ha permesso - tra l’altro - la riabilitazione infrastrutturale di 70 scuole, per un valore superiore a 7,7 milioni di Euro.

In Libano la crisi siriana, che ha portato nel Paese circa 500.000 minori in età scolare, ha raddoppiato la popolazione scolastica. Così il sistema della scuola pubblica si è trovato ad affrontare una situazione senza precedenti.

"La scuola pubblica era già in difficoltà prima dell’arrivo dei bambini siriani – dice Fatma, della scuola di Addad – e abbiamo dovuto affrontare il raddoppio della popolazione scolastica- Non basta, purtroppo, l’impegno del Governo e degli insegnanti, abbiamo bisogno di ambienti salubri e di attrezzature che ci permettano di far stare i nostri studenti al passo con i tempi.”

Visitando la piccola scuola colpisce un albero di Natale realizzato con materiali di riciclo e la presenza in ogni classe di un bidone per la raccolta della carta e uno per la plastica.

"Sapevo che la plastica è pericolosa per la natura, ma non gli davo tanta importanza – racconta il piccolo Mohamed – poi la maestra con il computer ci ha fatto vedere dove finiva la nostra plastica. Tutta a fare una enorme isola nell’Oceano Pacifico, che è tanto pericolosa per i pesci. Da allora non la butto più dove capita e a casa mi arrabbio se lo fanno.”


Galleria Fotografica